• Eventi di Roma
Home » Notizie » Bombe Fritte Romane: Ecco la Ricetta.
bombe fritte

Bombe Fritte Romane: Ecco la Ricetta.

Oggi vi presentiamo la ricetta delle Bombe Fritte Romane, un dolce tipico e amato praticamente da tutti. Ecco come prepararle secondo la tradizione romana.

Ingredienti per 8 Bombe Fritte:

Farina 500 g bombeZucchero 50 g
Limoni la scorza grattugiata di 1 grosso
Sale 10 g
Latte 250 ml
Burro 100 g
Lievito di birra disidratato 4 gr (oppure fresco 12 gr)
Vaniglia bacca 1
Olio di semi q.b.
Zucchero semolato q.b.

Preparazione:

Per realizzare le bombe fritte iniziate setacciando 100 gr di farina in una ciotola, poi sciogliete in 125 ml di latte tiepido lo zucchero e il lievito di birra disidratato e mescolate con un cucchiaio. Aggiungete il composto di latte e lievito alla farina mescolate con una cucchiaio fino a ottenere una pastella omogenea). Sigillate la ciotola con la pellicola trasparente e lasciate lievitare il composto nel forno spento con la luce accesa per un’ora o fino a che il suo volume sarà raddoppiato. Nel frattempo setacciate la restante farina (400 gr) in una ciotola, unite la buccia grattugiata di un grosso limone e i semi della bacca di vaniglia. Trasferite il composto in una planetaria munita di foglia, riprendete la pastella ormai lievitata e incorporatela all’impasto, a parte sciogliete il sale nei restanti 125 ml di latte e unitelo all’impasto . Azionate la macchina per impastare gli ingredienti. In ultimo aggiungete il burro ammorbidito. Quando avrete raccolto tutti gli ingredienti e il composto si staccherà dalle pareti della ciotola, impastate il panetto su di una spianatoia per almeno dieci minuti fino a ottenere un composto morbido, liscio ed elastico, formate una palla e ponetela in una ciotola che sigillerete con della pellicola trasparente e lasciate lievitare per due ore. Trascorso il tempo necessario, prendete l’impasto delle bombe che avrà raddoppiato il suo volume e tiratelo delicatamente con un matterello su di una spianatoia infarinata fino a dargli lo spessore di circa 1 cm e ½. Con un tagliapasta circolare (o un bicchiere) del diametro di circa 8 cm, ricavate tanti dischetti dalla sfoglia, cercando di sfruttare al massimo la superficie dell’impasto, considerando che non potrete impastare tra loro i ritagli avanzati: per non buttarli, potrete comunque friggerli così come sono. Ponete i dischetti ricavati su di un canovaccio pulito, asciutto e leggermente infarinato, distanziandoli tra di loro di almeno 2-3 cm; ricopriteli con un panno, attendendo circa 30 minuti per la seconda lievitazione. Trascorso il tempo della lievitazione potrete cuocere le bombe: uno dei segreti per una buona riuscita delle bombe fritte è la temperatura dell’olio, che deve essere caldo ma non bollente (circa 170°); potreste fare una prova friggendo un ritaglio di impasto: se il pezzetto di pasta diventa dorato lentamente l’olio è pronto. Se invece il pezzetto di pasta si scurisce troppo in fretta, l’olio è troppo caldo e c’è il rischio che l’interno delle bombe rimanga crudo, bruciandosi invece la parte esterna. Immergete le bombe fritte nell’olio e cuocetele finché non risulteranno dorate, una volta cotte, scolatele e mettetele a sgocciolare su un vassoio ricoperto con la carta forno e passatele poi ancora calde in abbondante zucchero semolato, facendolo aderire su tutta la superficie. Adagiate le bombe fritte già pronte su un vassoio e servitele subito. Se volete, prima di rotolarle nello zucchero, potete farcire le bombe fritte con marmellata, crema pasticcera o crema al cioccolato, aiutandovi con una siringa da pasticcere. [ads]

da Giallozafferano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *