L’uso della Valeriana

In ambito fitoterapico l’uso della valeriana è raccomandato per il suo effetto calmante ed ipnotico, per cui il rimedio è utile per placare gli stati di ansia e per conciliare il sonno in caso di insonnia. Questa pianta, che appartiene alla famiglia delle Valerianacee, è composta da un mix di oli essenziali ed altri principi attivi quali: esteri dell’acido valerianico, esteri dell’acido valerico, cariofillene, terpinolene, valerenolo, valerenale, iridoidi, alcaloidi e flavonoidi.

A questi costituenti si deve l’effetto rilassante attribuito alla pianta officinale, nello specifico gli esteri degli acidi valerianici e gli iridoidi sono in grado di inibire l’enzima che prende parte alla degradazione metabolica del neurotrasmettitore gamma-aminobutirrico, un mediatore chimico che ha il compito di regolare il processo di eccitabilità neuronale dell’intero sistema nervoso, attivando così una sensazione di rilassamento e favorendo così il sonno.

Oltre a questa azione rilassante i principi attivi alla base della valeriana possiedono anche proprietà sedative, ipnoinducenti, antispasmodiche per cui la valeriana esplica un effetto curativo sui caratteristici sintomi addominali legati al colon irritabile. Come è possibile vedere dal contributo di tuttodonna.net, l’effetto antispasmodico della pianta officinale si deve principalmente alla presenza di terpeni e di flavonoidi in quanto sostanze agoniste nei confronti dei recettori dell’adenosina, per questa ragione contrastano l’azione spasmolitica sulla muscolatura liscia; inoltre questo rimedio naturale ha proprietà antistress per cui risulta efficace per calmare gli spasmi della muscolatura addominale dovuti allo stress che può determinare le manifestazioni della gastrite nervosa e della colite.

L’uso della valeriana consente di poter beneficiare di un largo spettro di effetti benefici che si traducono nell’attivazione di proprietà rilassanti, ipnoinducente, antinevrotiche, antispasmodiche, ansiolitiche. Della pianta officinale si utilizzano principalmente le radici ed i rizomi per la preparazioni di rimedi fitoterapeutici dall’effetto curativo.

In commercio sono disponibili diverse formulazioni erboristiche contenenti i fitoestratti della pianta officinale, per cui oltre alla polvere ed alla pianta essiccata si trovano in erboristeria la tintura madre, le capsule con l’estratto secco delle radici, le gocce ed anche l’olio essenziale della valeriana dove si concentrano i principi attivi dall’effetto sedativo e calmante nei confronti del sistema nervoso. Anche se le controindicazioni sono alquanto ridotte è bene seguire il corretto dosaggio del rimedio naturale che deve comunque essere assunto dopo aver chiesto un consulto al proprio erborista di fiducia o medico curante.

Condividi su:

Diventa redattore

Da oggi anche tu puoi diventare il NOSTRO COLLABORATORE!

Inviaci notizie, foto, video, curiosità e tutto quello che reputi possa essere BELLO di Roma.

Ti trovi da solo o in compagnia di qualcuno in una piazza, una villa o un parco? Ti sei perso tra le tante stradine del centro storico? Stai vivendo un momento di relax in un posto incantevole di Roma?

Mandaci tutto e Noi penseremo a pubblicarlo.

Allega una foto, due righe o un articolo intero ma ricorda, Mi Piace Roma pubblicherà SOLO cose belle che raccontano la nostra città.

Dicci la tua