Home » Notizie » La vera ricetta degli Spaghetti alla Carbonara
spaghetti-alla-carbonara

La vera ricetta degli Spaghetti alla Carbonara

spaghetti-alla-carbonara

Fare una buona Carbonara non è cosa facile e soprattutto sono state fatte molte di quelle varianti che vanno a snaturare il vero sapore di questo piatto tipico da voler fare un po’ di chiarezza. Prima cosa, negli Spaghetti alla Carbonara non va messa la panna. Molti la usano per dare maggiore cremosità, ma se si lavorano bene le uova il risultato sarà lo stesso. Altra cosa la cipolla, anche questo ingrediente viene aggiunto in modo inappropriato come anche l’aglio.

La vera ricetta della Carbonara infatti prevede solo i tuorli (e non le uova intere), il pecorino grattugiato, pepe nero e il guanciale tagliato a quadratini o listarelle. Basta. Per ottenere un piatto da dieci e lode dovete stare molto attenti a non far venire fuori la frittata al posto del condimento. Siete pronti a fare con noi questo piatto tipico romano?

Ingredienti per 4 persone:

– 400 gr di pasta
– 1 tuorlo a testa più 1 per la pentola (quindi 5)
– 150 gr guanciale
– pepe nero in grani da macinare
– 1 cucchiaio abbondante di pecorino romano a testa (quindi anche 5) più altro da mettere sul piatto

Cominciamo a mettere l’acqua per la pasta, la saliamo leggermente e aspettiamo che arriva a bollore. Nel frattempo tagliamo a listarelle, io preferisco a cubetti, il guanciale e lo mettiamo a rosolare in una padella SENZA olio e nessun altro grasso, fino a che non avrà raggiunto la croccantezza desiderata e comunque almeno finchè il grasso non sarà trasparente. Per un piatto leggermente più leggero potete anche utilizzare la pancetta al posto del guanciale, sapendo però che non è la ricetta originale.

In una ciotola mettiamo i tuorli e li sbattiamo bene, aggiungendo poi il pecorino romano e continuando a mescolare con una frusta otterremo una cremina leggera. Alcuni mettono un uovo intero invece che un tuorlo per la pentola. Potete provare le due versioni e farci sapere quale preferite. Aggiungete poi una bella spolverata di pepe, finite di mescolare. Togliete il guanciale dal fuoco e fate freddare leggermente.

Nel frattempo, avrete buttato la pasta, scolatela al dente direttamente nella ciotola con le uova, mischiando velocemente per non rischiare di fare la cosiddetta frittata. Consigliamo di utilizzare un recipiente apposito e di non versate pasta e uova nella padella con la pancetta perchè con il calore della pentola l’uovo può indurirsi e non avreste più l’effetto di cremina sopra.

Una volta amalgamata bene la pasta versate sopra il guanciale che potrete mettere anche direttamente sulla pasta in fase di impiattamento, finendo con un’altro po’ di pepe macinato e pecorino grattugiato.

L’unica variante che si può concedere è il tipo di pasta anche se gli spaghetti “Sono la morte sua” come si direbbe a Roma. Spesso nei ristoranti la troviamo servita anche con le mezze maniche. Provate!

Fonte: ingusto.it

4 comments

  1. …Salve a tutti io l’uovo ce lo metto tutto, rosso e chiara d’altra parte perché sprecarlo o costretti ad usarlo diversamente il rimanente? …Dopo di che le varianti non sono del tutto poi così male anche per cambiare per esempio io a volte la faccio con la salciccia e pancetta e o guanciale (di solito quello famoso molto noto) a volte ci metto anche la cipolla e già ci sta bene anche quella magari i cipollotti che sono più delicati anche con la versione con il parmigiano anziché con il pecorino va provata un po meno nella versione con il macinato ecc. ecc. ma soprattutto per non far venire la carbonara con la cosiddetta frittatina che a me non piace anche se a qualcuno gli è gradita a me no perché piace categoricamente con la cosiddetta cremetta creata con le uova io diluisco le uova con un po d’acqua della pasta e il risultato è assicurato!!! …ah dimenticavo è di rigore il pepe nero!!! …ciao ciao

  2. Fondamentale per la cremina ed evitare la frittata sarebbe di usare per rimescolare la pasta una insalatiera di ceramica, abbastanza larga e non fredda. Magari stiepidita appena sul vapore l’ultimo minuto di cottura della pasta.
    Sempre a tale scopo la pasta deve necessariamente essere lunga e versata nell’insalatiera, nella quale si sarà a sua volta versato preventivamente il condimento, IMMEDIATAMENTE dopo la scolatura.
    I tempi, come gli ingredienti, sono fondamentali e tutto concorre alla stessa maniera alla buona riuscita del piatto.
    La cipolla è una aggiunta interessante, ma il guanciale, se tagliato a listarelle viene più facilmente croccante.

  3. Bravo Achille.. proverò
    ciao

  4. Anch’io uso l’uovo intero. Bisogna avere l’accortezza di versare le uova sbattute con il pecorino a fuoco spento e amalgamare con la pasta…..non guasta un po’ di acqua di cottura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *